E’ uscito il mio libro: ‘La Strana Malattia (Come prevenire, diagnosticare, e curare, ansia e depressione)’.

Ecco la descrizione del mio libro: “La Strana Malattia”:

Un libro che, da un lato, nella sua prima parte, racconta una particolare e drammatica storia avvenuta, ad un avvocato, nel brindisino (ben rappresentativa delle problematiche che vivono, ed incontrano, i poveri individui affetti da ansia e depressione), ispirata a fatti realmente accaduti, e che mette in luce i risvolti, la diagnosi, e la cura, di malattie tanto frequenti, ma, allo stesso tempo, tanto poco conosciute nella loro eziologia, biologia e clinica; da un altro lato, nella sua seconda parte, è un utile manuale pratico, rigorosamente scientifico, nell’interesse di chiunque, per un corretto approccio preventivo, diagnostico e terapeutico.

Argomentato in modo comprensibile, questo libro, è rivolto in generale a tutti, ma in particolar modo a chi soffre di patologie come l’ansia -depressiva o non depressiva- (ansia sociale, ansia generalizzata, ansia somatica), e la depressione (depressione maggiore, depressione cronica -distimia-), o semplicemente sta vivendo un periodo stressante dal punto di vista emotivo.

Nel libro, l’ansia e la depressione sono state adeguatamente, e con semplicità, argomentate da un punto di vista prettamente biologico, sia nei riguardi della loro eziologia, sia nei riguardi del loro trattamento (è stata ivi esclusa solo la trattazione della depressione psicotica, della depressione bipolare, e della psicosi -schizofrenia-).

Si comprenderà come sia assolutamente errato -e contro ogni evidenza clinica e scientifica- l’uso di ansiolitici (specie se di tipo benzodiazepinico), nel trattamento dell’ansia e come coadiuvanti nel trattamento della depressione.

Entrambe, sia l’ansia (depressiva o non depressiva), sia la depressione maggiore o cronica (distimia), debbono essere unicamente trattate con un antidepressivo di tipo SSRI, senza uso di antidepressivi a pluri azione neurotrasmettitoriale, né di benzodiazepine (ansiolitici, i quali non curano per nulla l’ansia, anzi la cronicizzano), né di antipsicotici (farmaci che si somministrano ai malati di psicosi, schizofrenia, e “nei confronti dei quali unicamente dovrebbero essere prescritti”), i quali, anche se a basso dosaggio, spesso vengono, del tutto erroneamente, associati nel trattamento della depressione maggiore.

Questo predetto approccio medico specialistico, del tutto confusionario ed errato, sia da un punto di vista dell’evidenza clinica, sia da un punto di vista puramente scientifico, è frequentemente causa di insorgenza di una profonda sfiducia nel paziente ansioso e/o depresso, il quale spesso ha paura di curarsi “temendo”, e non senza ragione alcuna, che possa “stare peggio”.

In questo libro, inoltre, si parlerà di una sostanza naturale (a livello internazionale del tutto sconosciuta nella prassi psichiatrica), la quale, come coadiuvante alla terapia con antidepressivi, risulta essere efficacissima, mostrando effetti positivi diretti, sia nei confronti dei sintomi dell’ansia e della depressione, sia nei confronti degli effetti negativi secondari, iniziali e non, legati alla somministrazione degli antidepressivi.

Dall’ansia e dalla depressione, con un corretto trattamento, si può guarire del tutto, tenendo ben presente che la loro causa eziologica è un alterazione della sensibilità di alcuni recettori -ipersensibilità- (e la conseguente atrofia dei rispettivi neuroni per via dell’aumentato metabolismo ivi innescatosi), e che, in quanto tale, ha bisogno di un trattamento farmacologico volto a normo-sensibilizzarli.

Nella fase patologica saranno inutili le sole terapie psicologiche (utili, in tal caso, solo come coadiuvanti alla terapia farmacologica), in quanto esse, da sole, potranno essere efficaci solo a scopo preventivo o come mantenimento (dopo la guarigione).

Conoscere il proprio io emotivo, con l’ausilio della psicoterapia, e/o con una adeguata individuale ricerca interiore, resterà sempre comunque un necessario percorso da attuare, per cambiare in noi ciò che emotivamente va modificato.

Sarà anche utile conoscere cosa nella nostra alimentazione, o in ciò che assumiamo insomma, può peggiorare o migliorare la nostra salute mentale, sia a scopo preventivo, sia e soprattutto nello stadio della malattia, in quanto molte sostanze che normalmente assumiamo possono incidere, anche in modo assai incisivo, negativamente o positivamente.
Questo scritto è un tenero omaggio alle persone affette da malattie psichiatriche, ma anche un grido sdegnato verso l’umana ignoranza che ha osato, e da sempre, circondare queste malattie (e le persone da esse afflitte) da un insano e pesante pregiudizio, frutto di ipocrisia e di non conoscenza delle cose.
La conoscenza, quando è vera e sovrabbondante, rende liberi, e chi è davvero libero è libero innanzitutto da se stesso e dai propri limiti.
Il mio libro è disponibile su tutti i più importanti store online come:

AMAZON – LIBRO CARTACEO – La Strana Malattia

AMAZON – EBOOK – La Strana Malattia

in più è ordinabile in tutte le librerie italiane.

Stefano Ligorio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...