(brevi note su legge e diritto) – L’atto pubblico e la querela di falso.

L’atto pubblico e la querela di falso.

L'atto pubblico e la querela di falso, atto pubblico fa fede fino a querela di falso, Stefano Ligorio, cassazione, giurisprudenza, Corte Suprema, sentenza, ordinanza, giudizio, civile, penale, cassazione civile, cassazione penale,
L’atto pubblico e la querela di falso.

La Cassazione civ. n. 3787/2012 ha statuito che: L’atto pubblico fa fede fino a querela di falso soltanto relativamente alla provenienza del documento dal pubblico ufficiale che l’ha formato, alle dichiarazioni al medesimo rese ed agli altri fatti dal medesimo compiuti, non estendendosi tale efficacia probatoria anche ai giudizi valutativi eventualmente espressi, tra i quali va compreso quello relativo al possesso, da parte di uno dei contraenti, della capacità di intendere e di volere. Ne consegue che l’autenticazione, da parte del notaio, della firma apposta in calce ad un atto di delega non costituisce prova legale della validità del consenso manifestato dal sottoscrittore”,

l’atto pubblico fa fede fino a querela di falso unicamente in relazione alla provenienza del documento dal pubblico ufficiale che l’ha formato, alle dichiarazioni, delle parti, al medesimo rese e agli altri fatti dallo stesso compiuti, tuttavia tale efficacia probatoria non si estende anche ai giudizi valutativi (da parte del pubblico ufficiale), eventualmente, ivi espressi.

***

Il libro di Stefano Ligorio: ‘IL RISARCIMENTO NEL PROCESSO CIVILE -errori da evitare, e rimedi esperibili- (Guida Pratica alla luce del Codice Civile, del Codice di Procedura Civile, e della Giurisprudenza in materia)’.

***

Altri articoli sul tema li trovi anche qui.

N.B. Stefano Ligorio è anche autore di un libro dal titolo: ‘IL RISARCIMENTO NEL PROCESSO CIVILE -errori da evitare, e rimedi esperibili– (Guida Pratica alla luce del Codice Civile, del Codice di Procedura Civile, e della Giurisprudenza in materia)’.

Stefano Ligorio