(Medicina in breve) – Depressione indotta da farmaci…

Molti pazienti assumono, inconsapevolmente, farmaci che possono, potenzialmente, indurre, come effetto (o evento) avverso la depressione.

Trattasi anche di medicinali d’uso comune (ad es. antipertensivi, analgesici…) i cui potenziali effetti avversi, molto spesso, non sono congruamente conosciuti nemmeno dai medici curanti.

Quando questi farmaci vengono, per giunta, prescritti associati ad altri (politerapia), e che hanno, similmente, tale potenziale effetto avverso sull’umore, l’insorgenza della depressione diventa ancora più probabile e ciò soprattutto nei soggetti predisposti e negli anziani.

Qualsiasi politerapia, dunque, andrebbe studiata con grande accuratezza e somministrata avendo sempre cura di tenere in debito conto i potenziali effetti avversi (anche quelli, per l’appunto, da interazione tra più farmaci).

Il medico curante, in generale, dovrebbe imparare a usare maggiore diligenza, perizia, e prudenza, nella prescrizione dei farmaci, tanto più, come anzidetto, nella circostanza della prescrizione di una politerapia.

Altri articoli sul tema li trovi anche qui.

N.B. Stefano Ligorio, in ambito di tematiche mediche, è anche autore di un libro dal titolo: ‘La Strana Malattia: Come prevenire, diagnosticare, e curare, l’ansia (ansia sociale, ansia generalizzata e ansia somatizzata) e la depressione (depressione maggiore e depressione cronica -distimia)’, ma anche di: ‘Il Cancro -Vademecum- (Guida Pratica alla Prevenzione e alla Cura del Tumore Maligno)’.

Stefano Ligorio