(Medicina in breve) – La fame ‘nervosa’…

La fame ‘nervosa‘.

La fame nervosa si combatte individuando le cause che ad essa hanno portato…, in quanto si può affermare che rappresenta un mero sintomo…
Oltre a una psicoterapia, spesso, se vi è di base una importante sintomatologia ansioso/depressiva, si deve curare con un antidepressivo (preferibilmente del tipo SSRI), il quale regolando, nel tempo, la trasmissione serotoninergica nel sistema nervoso centrale (S.N.C.), normalizzerà, tra le altre cose, il senso di sazietà…
La serotonina, per l’appunto, regola anche il senso di sazietà, e una sua carenza e/o un’alterazione della ‘sensibilità’ dei suoi recettori nel S.N.C. può indurre, chi ne è affetto, ad alimentarsi frequentemente di pasti ricchi di carboidrati (semplici e complessi).
È una sorta di difesa del S.N.C. per produrre più serotonina (da qui la sensazione di immediato piacere per chi soffre di fame nervosa), in quanto l’aumento di glucosio nel sangue induce, attraverso una serie di reazioni metaboliche/ormonali (produzione di insulina…), l’immagazzinamento di aminoacidi ramificati nelle cellule muscolari (antagonisti naturali del triptofano precursore della serotonina) permettendo all’amminoacido triptofano di passare la barriera emato-encefalica ivi divenendo serotonina…nel pronto utilizzo…

Altri articoli sul tema li trovi anche qui.

N.B. Stefano Ligorio, in ambito di tematiche mediche, è anche autore di un libro dal titolo: ‘La Strana Malattia: Come prevenire, diagnosticare, e curare, l’ansia (ansia sociale, ansia generalizzata e ansia somatizzata) e la depressione (depressione maggiore e depressione cronica -distimia)’, ma anche di: ‘Il Cancro -Vademecum- (Guida Pratica alla Prevenzione e alla Cura del Tumore Maligno)’.

Stefano Ligorio