(brevi note su legge e diritto) – La condanna alle spese si estende, per legge, anche a quella sostenuta per il pagamento del contributo unificato, pur se il giudice, nella decisione, dimentica di precisarlo.

La condanna alle spese.

Colui che vince una causa civile ha pieno diritto, oltre che, ovviamente, al risarcimento riconosciutogli dal giudice in sentenza, anche al rimborso delle spese sostenute per il pagamento del contributo unificato (nell’introduzione del processo civile), anche se nella decisione del giudicante non vi è alcun cenno a tal riguardo.

Per cui secondo Cassazione civ. n. 2691/2016, la statuizione di condanna si deve intendere estesa implicitamente, al di là di una sua formale assenza, anche al rimborso della spesa, da parte del vittorioso sostenuta, per il pagamento del contributo unificato, precisamente documentale tramite la relativa ricevuta di versamento.

Altri articoli sul tema li trovi anche qui.

N.B. Stefano Ligorio è anche autore di un libro dal titolo: ‘IL RISARCIMENTO NEL PROCESSO CIVILE -errori da evitare, e rimedi esperibili– (Giuda Pratica alla luce del Codice Civile, del Codice di Procedura Civile, e della Giurisprudenza in materia)’.

Stefano Ligorio