(brevi note su legge e diritto) – Il risarcimento è ridotto per il passeggero se non portava la cintura di sicurezza durante il sinistro.

Risarcimento ridotto per il passeggero che non portava la cintura di sicurezza durante l’incidente.

La Cassazione civile n. 21991/2019, precisa che:

a) l’art 172 Cds impone l’utilizzo delle cinture di sicurezza non operando alcun distinguo tra la seduta posteriore e anteriore dei veicolo;

b) l’allacciamento delle cinture di sicurezza costituisce fatto idoneo ad attenuare le conseguenze dannose di un sinistro, in quanto l’impiego di siffatto dispositivo cautelare consente, in caso di urto, di trattenere il corpo degli occupanti il veicolo legato al sedile, evitandone l’impatto contro le strutture interne e la proiezione fuori dall’abitacolo (come avvenuta nel caso di specie);

c) pertanto, l’omesso uso delle cinture di sicurezza, da parte di persona che abbia subito lesioni in conseguenza di un sinistro stradale, costituisce un comportamento colposo del danneggiato nella causazione del danno, rilevante ai sensi dell’art. 1227 c.c, comma 1, c.c (applicabile in tema di responsabilità aquiliana in quanto richiamato dall’art. 2056 c.c.), e legittima la riduzione del risarcimento del danno;

d) il conducente dell’autovettura non è destinatario della norma, che impone al trasportato di indossare la cintura di sicurezza, in considerazione della circostanza per cui all’epoca dei fatti, il…aveva raggiunto la maggiore età; in ogni caso, sebbene vi sia l’obbligo del conducente di effettuare la circolazione in condizioni di sicurezzaesula dalla normale diligenza, anche perché trattasi di una condotta di non semplice realizzazione, il controllo costante dei passeggeri presenti sui sedili posteriori, differentemente dall’ipotesi in cui il trasportato si trovi sul sedile anteriore”.

A fronte di quanto qui riportato il risarcimento del danno anche al terzo trasportato -il quale durante il sinistro sia privo di cinture di sicurezza- viene ridotto, in quanto le cinture devono essere indossate da tutti finanche da chi è seduto nella parte posteriore del veicolo, altrimenti, riportando delle lesioni in un eventuale sinistro, il danneggiato diviene colposamente corresponsabile dello stesso danno subito, in quanto la funzione delle cinture -non indossate- (a titolo di presidio di sicurezza) è proprio quella di evitare che la persona seduta in auto possa, in caso di un sinistro, subire un danno maggiore.

Altri articoli sul tema li trovi anche qui.

N.B. Stefano Ligorio è anche autore di un libro dal titolo: ‘IL RISARCIMENTO NEL PROCESSO CIVILE -errori da evitare, e rimedi esperibili– (Giuda Pratica alla luce del Codice Civile, del Codice di Procedura Civile, e della Giurisprudenza in materia)’.

Stefano Ligorio